Le migliori scarpe da running del 2018

È ora di allacciare le tue scarpe da running!
Stai per affrontare una maratona o la gara locale di 5 km? In entrambi i casi la cosa più importante che ti servirà è un buon paio di scarpe da running.

Trovare le scarpe migliori per te può davvero fare la differenza tra l’arrancare per gli ultimi km e sentire invece i tuoi piedi volare. 

Ma con così tanti brand e modelli tra cui scegliere, scovare il paio di scarpe perfetto per il tuo stile di corsa è una vera e propria sfida. 


le migliori scarpe da running del 2018: ON Cloudrush

Quali sono le migliori scarpe da running?

È impossibile dare una risposta univoca a questa domanda perché ogni runner ha delle esigenze diverse. Personalmente però ritengo che le ON Cloudrush offrano il compromesso migliore fra comfort, innovazione, performance e stile.

Sicuramente i runner più esperti concorderanno con me, ma la Cloudrush non è una scarpa riservata esclusivamente a loro; è adatta a tutta una serie di stili di corsa diversi.

A chi invece preferisce una scarpa più tecnica ed esclusiva, suggerisco di provare le Nike Zoom Vaporfly 4%. Forse la scarpa da corsa più avanzata di sempre, progettata specificamente per aiutare gli atleti d’élite a battere il muro delle 2 ore della maratona. La 4% viene rilasciata in quantità limitate al pubblico e, come ci si aspettava, i negozi le finiscono a velocità record. La cosa interessante è che presenta un’intersuola in fibra di carbonio, la stessa tecnologia utilizzata nelle nostre Ares One. Ovviamente la soletta One è stata creata per massimizzare le prestazioni e quindi si tratta di una estremizzazione del concetto presente nelle Nike.


le migliori scarpe da running del 2018: scarpe

Come acquistare le scarpe da running giuste

Un paio di scarpe specifiche da running deve attutire l’impatto con il terreno in maniera efficace, essere flessibile dove serve e proteggerti dagli infortuni più comuni. Per scegliere la scarpa giusta non basta però comprare quella che ti piace di più per i colori o per il modello. 

La difficoltà nel consigliare scarpe da running è che, mentre alcune sono chiaramente migliori di altre, la scarpa ‘migliore’ per te deve adattarsi al tuo modo di correre. Corriamo tutti un numero diverso di chilometri, appoggiamo i piedi in modo diverso, abbiamo un peso diverso e piedi di diversa forma: le nostre scarpe devono quindi riuscire a rispecchiare le nostre specifiche caratteristiche.

Se sei un runner più pesante, potresti optare (inizialmente) per una scarpa che aiuta a ammortizzare parte dell’impatto mentre corri, mentre i runner più leggeri potrebbero preferire una scarpa più minimalista. Allo stesso modo, per i lunghi ricercherai elasticità e ammortizzazione per una corsa confortevole, mentre per il giorno di gara o per le corse più brevi dirigiti verso qualcosa di più leggero, veloce e minimal.

Attenzione: un punto per me fondamentale e che tengo a sottolineare è che la scelta di una scarpa è un processo che ti deve portare via via a scegliere scarpe sempre più leggere. Solo inizialmente, quindi, suggerisco di preferire una scarpa più ammortizzata. 

Anche l’andatura può essere un fattore importante, in particolare, se hai un eccesso di pronazione o supinazione. In questo caso potresti avere bisogno di una scarpa o di una soletta correttiva.

Tutte queste variabili possono sembrare complicate da valutare, soprattutto se entri adesso nel mondo del running, ma ti basta tenere a mente queste cinque regole d’oro.

1. FAI CONTROLLARE LA TUA ANDATURA
Se vai in un negozio specializzato nel running puoi fare un test completo di analisi dell’andatura. Probabilmente ti faranno correre su un tapis roulant in modo che lo staff possa aiutarti a identificare il tipo di scarpe e il supporto più adatto al tuo stile di corsa. La maggior parte dello staff è formato da runner, potrai quindi ricavare anche qualche utile suggerimento su come migliorare la tua tecnica.

2. PROVA PRIMA DI COMPRARE
Trovi molto spesso delle mega offerte online, ma è sempre meglio provare le scarpe prima di comprarle. Il numero può cambiare in modo significativo da brand a brand e spesso conviene scegliere 1/2 o 1 taglia in più per lasciare spazio ai piedi di gonfiarsi quando si surriscaldano.

3. PENSA AL TIPO DI FONDO SU CUI CORRI
È importante pensare a dove corri di solito: strada, sterrato o un mix di entrambi. In generale, il trail running richiede più supporto mentre la strada richiede una maggiore protezione dagli impatti, ma anche questo può essere influenzato da come corri e da cosa trovi più comodo.

4. GARA VS ALLENAMENTO
Solitamente si alternano almeno 2 paia di scarpe: una scarpa da allenamento per quando corri più km e una scarpa da gara più leggera ma maggiormente indicata per un tempo più breve, come una gara di quattro ore. L’importante è che in gara NON userai delle scarpe nuove mai indossate prima, ma scarpe che già conosci e con cui hai percorso già qualche km. 

5. NON CONCENTRARTI SULLE SENSAZIONI DELLA PRIMA CALZATA
Le scarpe molto ammortizzate danno delle ottime sensazioni nella prima calzata, ma ridurranno le tue prestazioni e aprono la porta agli infortuni. In generale però, è importante che quando ti metti le scarpe non ti facciano male ai piedi. Se ti stanno comode sulla tomaia (la parte superiore della scarpa) è quindi un buon segno. 


le migliori scarpe da running del 2018: runner

[IL GRANDE SEGRETO] Quanto sono importanti le scarpe da running?

Devo essere sincero: ho pensato fino all’ultimo se inserire o meno questo paragrafo. Alla fine ho scelto di farlo perché vorrei darti le “armi” giuste per difenderti dai grandi brand e dal loro marketing.

Vorrei che mi considerassi come un “alleato” nel miglioramento delle tue prestazioni. Un grande alleato ti direbbe che le scarpe sono fondamentali perché, se le scegli bene:

  • Aumenti le tue prestazioni
  • Riduci il rischio di infortunarti

C’è però un altro lato della medaglia: questo NON BASTA per farti raggiungere i tuoi obiettivi. Questo NON basta per migliorare le tue prestazioni in maniera significativa.

E questa cosa non te la dirà mai nessun brand di calzature sportive. A loro basta venderti il concetto che con le scarpe correrai più velocemente. Ma è vero solo in parte.

Se vuoi sorprendere i tuoi colleghi, se vuoi vincere delle gare, se vuoi tirare giù secondi, se vuoi essere visto come un “runner forte”, ti devi anche allenare bene.

Attenzione dico “bene” e non “duro”. Allenarsi “bene” per me significa fare le cose in maniera intelligente per massimizzare l’efficacia di ogni tuo allenamento.

Se dai 1000 pugni al giorno su un muro, probabilmente ti stai allenando “duro”, ma questo non ti porterà a vincere la prossima gara e non ti porterà a battere il tuo collega che fa tanto il saccente quando si parla di corsa.

Ok, ma come ci si allena bene?

  • Con un programma adatto e personalizzato su di te (e non passato da qualche amico o scaricato dal primo sito “a caso”). Pensi che una tabella presa da qualche parte, possa andare bene a te come ad altre migliaia di persone diverse? È FOLLE! Una cosa del genere può solo che farti infortunare.

  • Con un piano a medio-lungo termine. Avere una “tabella” per la prossima gara è una scelta stupidissima. Bisogna programmare l’anno sportivo. Il corpo non ragiona e non si adatta in maniera marcata a stimoli così brevi. La possibilità che tu migliori è bassissima! Vuoi allenarti e fare fatica per peggiorare? NON CREDO PROPRIO!

Quindi se puoi, fammi un favore: scegli le scarpe migliori per te, ma trovati anche un allenamento che abbia le 2 caratteristiche che ti ho elencato sopra.

Se sei in cerca di un allenamento che ti faccia migliorare seriamente, questo metodo di allenamento è quello che ti consiglio perché é fatto tenendo in considerazione quanto ti ho detto. Dacci un’occhiata.

Ora che ti ho fatto una panoramica generale su tutto questo enorme argomento, è il momento di scegliere le tue prossime scarpe!


Nota bene: ogni paio di scarpe di questa lista è stato testato seriamente. Scorrila attentamente e trova le scarpe da running perfette per te. Per facilitarti la lettura, ho etichettato ogni scarpa con “ideale per“, dall’eccellenza generale al massimo supporto, fino alla scarpa minimalista più valida.


LE MIGLIORI SCARPE DA RUNNING PER TUTTI I TIPI DI RUNNER

1. ON CLOUDRUSH

La migliore scarpa da running

Ideale per: runner avanzati
Pensata per: velocità e supporto

le migliori scarpe da running del 2018: ON Cloudrush lato

La scarpa da running che vince la medaglia d’oro è la ON Cloudrush, capace di combinare alla perfezione comfort, innovazione, performance e stile.

La Cloudrush è una scarpa veloce, leggera e versatile, comoda sia sui 5-10km che in maratona. Pesa 220g e ha un drop di 5mm che favorisce l’appoggio di avampiede.
Anche se ideate per la velocità, le Cloudrush sono l’ideale per i runner che cercano sempre di migliorare il personal best.

Ammettiamolo: non c’è velocità senza comodità ed è anche qui che eccelle la Cloudrush. Quando ti stanchi, la tua tecnica di corsa può risentirne e questo può significare tallonare di più. Per ridurre il problema l’ON ha aggiunto più ammortizzazione in quell’area, rendendo la corsa più confortevole sulle lunghe distanze.


2. NIKE AIR ZOOM PEGASUS 34

La migliore scarpa da corsa per principianti

Ideale per: corsa su strada
Pensata per: comfort e stabilità

le migliori scarpe da running del 2018: Nike Air Zoom Pegasus

Le Nike Air Zoom Pegasus sono spesso consigliate ai principianti per la loro comoda ammortizzazione e per la stabilità a livello del tallone. È una scarpa alla quale non rinuncerai facilmente una volta provata.
L’ammortizzazione efficace rende la scarpa confortevole per chi ha i piedi che si stanno ancora adattando al running, ma è ideale anche per i runner più esperti. La scarpa resta comunque leggera con un peso di 285 grammi.


3. ADIDAS ULTRABOOST LACELESS

La migliore scarpa da corsa per stile e tecnologia

Ideale per: runner su strada all’avanguardia
Pensata per: ritorno di energia e comfort 

le migliori scarpe da running del 2018: Ultraboost laceless

Questa scarpa senza lacci è l’equilibrio perfetto di stile e performance.

La UltraBOOST Laceless – progettata per i runner con pronazione neutra – utilizza la stessa tecnologia dell’intersuola rispetto alle precedenti, ma niente più lacci per consentire ai piedi di sentirsi liberi durante la corsa.

Realizzata in filato Primeknit traspirante, la tomaia è stata progettata utilizzando la tecnologia di rilevamento del movimento per adattarsi perfettamente ai piedi dove necessario e fornire spazio per il movimento nelle altre parti. La calzata simile a un calzino e la fascia avvolgente intorno al piede, forniscono sostegno e impediscono ai piedi di scivolare nella scarpa.

Se sei soggetto a vesciche, noterai che la tomaia senza cuciture offre meno possibilità di sfregamento.
L’unico problema con le Laceless è che non avrai più una scusa per fermarti di tanto in tanto per allacciarti le scarpe! 


4. ASICS GEL KAYANO 24

La migliore scarpa da running per le distanze più lunghe

Ideale per: pronatori e ultra runner 
Pensate per: supporto su lunghe distanze

le migliori scarpe da running del 2018: Asics gel kayano 24

Se preferisci una scarpa con un supporto maggiore, smetti di cercare: hai trovato le ASICS Gel Kayano. Particolarmente indicate per gli iperpronatori, la Kayano è progettata per tenere i piedi comodi e sicuri su lunghe distanze, anche quando cominci a sentirti stanco e la tua forma ne risente.

La fodera in memory foam sul tallone offre una vestibilità più personalizzata mentre la tecnologia di tenuta del tallone è stata migliorata per ridurre sfregamento e slittamento. I pannelli strutturati nella tomaia offrono un supporto extra ai troppo pronatori o ai piedi affaticati durante le sessioni di allenamento di resistenza e l’intersuola GEL e FlyteFoam significa maggiore comfort.

Anche se questo supporto ha un po’ di peso in più, la Kayano è decisamente leggera per una scarpa di stabilità, con un peso di appena 320g. Rispetto alle precedenti, ha fatto sicuramente un passo avanti in termini di stile, con un tallone più basso di 10mm e una forma più veloce ed elegante.


5. NIKE ZOOM VAPORFLY 4%

La migliore scarpa da corsa minimalista

Ideale per: atleti d’elite e runner urbani 
Pensata per: velocità

le migliori scarpe da running del 2018: Nike Zoom Vaporfly 4%

La Nike Zoom Vaporfly 4% è una versione leggermente rivisitata della scarpa Nike Vaporfly Zoom Elite che ha aiutato i runner più veloci del mondo ad avvicinarsi al muro delle 2 ore in maratona (record fallito per 25 secondi) per il progetto Breaking2 di Nike.

Sia Eliud Kipchoge che Mo Farah le indosseranno durante la Maratona di Londra la prossima primavera.

Uno studio condotto da ricercatori del Dipartimento di Fisiologia Integrativa dell’’Università del Colorado, supportato da Nike Sport Research Lab, afferma: “Le scarpe prototipo [Nike Vaporfly 4%] hanno abbassato il costo energetico della corsa del 4% in media. Grazie a queste scarpe, gli atleti d’elite potrebbero correre notevolmente più veloci e correre la prima maratona sotto le 2 ore.”

La Vaporfly 4% offre quindi una scarpa d’elite che anche i comuni mortali possono permettersi per battere i propri record personali. 
Grazie alla lastra in fibra di carbonio che copre l’intera pianta garantisce il minimo spreco di energia ed un’ottima spinta. La dicitura 4% nel nome della scarpa sta a significare che secondo Nike, ottieni una media del 4% di miglioramento nell’economia di corsa: i runner che la indosseranno saranno il 4% più efficienti. 

Le solette Ares One, sono composte da ben 4 strati di carbonio (invece di uno solo delle Vaporfly). Grazie alla particolare struttura in fibra di carbonio e kevlar, aumentano esponenzialmente il ritorno elastico delle scarpe in cui sono inserite. In questo modo riescono a restituire una parte dell’energia cinetica che altrimenti andrebbe persa, migliorando notevolmente la reattività e quindi le performance (salto e corsa). 


6. INOV-8 PARKCLAW 275

La migliore scarpa da corsa per l’asfalto e da trail

Ideale per: corsa fuori strada 
Pensata per: grip e maltempo

le migliori scarpe da running del 2018: Inov 8 parkclaw 275

Se sei un guerriero del fine settimana – che corre su asfalto durante la settimana ma su sterrato nel weekend – dovrai alternare due paia di scarpe o utilizzarne una progettata per affrontare sia l’asfalto che sterrato. La scelta è l’Inov-8’s Parkclaw 275.

Capovolgile e vedrai sul fondo un motivo di tacchetti stile trail leggermente più consistente di quello che trovi sulle Inov-8 da strada. Questo le rende perfette per i sentieri più facili ma anche su asfalto.
Un tallone esterno aggiunge ulteriore sostegno e stabilità nel tallone mentre corri su terreni accidentati, quindi anche quando le tue gambe saranno stanche per colpa delle colline fangose, la tua tecnica non dovrebbe risentirne. 


7. NEW BALANCE VAZEE PACE V2

La scarpa per il vero runner: sempre un’ottima scelta

le migliori scarpe da running del 2018: New Balance Vazee Pace V2

Se vuoi correre veloce e per tanto tempo, queste sono le scarpe per te. La Vazee Pace è una scarpa da maratona ideale con molto supporto per la corsa su strada, grande reattività e la capacità di continuare a spingere anche su lunghe distanze.
Si tratta comunque di una scarpa leggera, che sarà apprezzata sempre di più all’aumentare dei chilometri. Qualcuno potrebbe obiettare che lo strato di foam è poco spesso ma se la tua tecnica di corsa è impeccabile non sarà certo un problema. 


8. INOV-8 ROCLITE 290

Un’altra ottima opzione strada/sterrato

le migliori scarpe da running del 2018: Inov 8 Roclite 290

La Roclite 290, chiamata così per il suo peso di 290g, ha ottenuto il primato di scarpa più leggera nella gamma Inov-8 (fino all’arrivo della nuova 275) e offre grande supporto e comfort su fondi diversi.
Se sei il tipo di runner a cui piace cambiare fondo, questa scarpa è praticamente perfetta anche se non del tutto impermeabile. 
È comunque progettata per affrontare dalla roccia di montagna bagnata all’erba fangosa e asfalto.


9. ASICS DYNAFLYTE

Il meglio per la pronazione neutra

le migliori scarpe da running del 2018: Asics Dynaflyte

Ideale per runner con pronazione neutra e per runner veloci su tutte le distanze, questa è la scarpa più ammortizzata di Asics e anche la più leggera.
Tutto merito del FlyteFoam che si trova su tutta la lunghezza dell’intersuola, più leggero del 55% rispetto alla schiuma EVA standard.
Frutto di oltre 300 prototipi, FlyteFoam promette un’ammortizzazione continua con schiuma che ritorna alla sua forma originale dopo ogni corsa.


10. BROOKS GHOST 9

Il meglio per una corsa ben ammortizzata

le migliori scarpe da running del 2018: Brooks Ghost 9

Queste Brooks non possono certo essere definite eleganti, ma quando si tratta di una corsa confortevole, l’ammortizzazione intelligente di Ghost 9 non ha paragoni.
Queste scarpe offrono il 30% in più di ammortizzazione rispetto al solito grazie all’intersuola BioMoGo che come Brooks afferma “si adatta al tuo passo”.


Se il tuo chiodo fisso è riuscire a scovare le scarpe che ti permetteranno di correre più veloce, ti consiglio di approfondire l’argomento leggendo questo articolo dove puoi trovare qualche dritta interessante.

Lascia un commento